Niente vaccino per bambini e donne in gravidanza

vaccino-europa

Parlatene con il vostro medico, il vostro farmacista o con l’infermiera, ma prima, e non dopo che vi venga somministrato il vaccino !

Questa, in sostanza, la principale raccomandazione contenuta nel bugiardino (the leaflet) – alias il “foglietto informativo” del farmaco della Pfizer/BioNTech.

Quel bugiardino, curato dalla “Medicines & Healthcare products Regulatory Agency”, è stato pubblicato lo scorso 16 dicembre sul sito web del Governo britannico [1].

Lo si trova online, non è stato secretato, anche se il Regno Unito di Sua Maestà la Regina è uscito dalla UE è a disposizione di tutti i terrestri, italiani compresi.

L’Ente di vigilanza del farmaco inglese: non si sa impatto su fertilità

Intanto, suddetto Ente chiarisce subito che il vaccino, tecnicamente identificato con la sigla “mRNA BNT162b2” :

– « non è raccomandato per i bambini sotto i 16 anni »,
– « non è raccomandato durante la gravidanza »,
– « non deve essere usato durante l’allattamento ».

Inoltre, vi si legge che:

– « per precauzione, evitare di rimanere incinta fino ad almeno 2 mesi dopo il vaccino », ma soprattutto,
– « non si sa se il vaccino abbia un impatto sulla fertilità ».

EVIDENZIO IL “non si sa” !

In proposito, negli scorsi giorni era passata senza tanto scalpore l’affermazione del giornalista Paolo Mieli : « Se fossi in età di far figli, per prudenza, aspetterei che lo facessero le persone più anziane ».

Ecco le precauzioni prima di vaccinarsi: attenzione alle allergie

Ma ci sono tante altre “avvertenze e precauzioni” prima della somministrazione delle due dosi del vaccino.

Eccole:
– non aver sofferto, in passato, di « grave reazione allergica ad un precedente vaccino, medicina o cibo »;
– non avere « un sistema immunitario indebolito, ad esempio a causa di un’infezione da HIV, o per un farmaco che colpisce il sistema immunitario»;
– non soffrire di « un problema di sanguinamento, di lividi di facile formazione o usare un medicinale per inibire la coagulazione del sangue »;
– non avere in corso « una grave malattia con febbre alta »;
– prestare attenzione a « possibili effetti collaterali che possono temporaneamente influenzare la capacità di guidare o utilizzare le macchine ».

Le reazioni avverse: dal mal di testa fino a cosa non si sa …

Infine, la “Medicines & Healthcare products Regulatory Agency” ha tenuto a precisare che come tutti i vaccini, il vaccino COVID-19 mRNA BNT162b2 può causare effetti collaterali, seppur « LA MAGGIOR PARTE degli effetti collaterali sono lievi o moderati e spariscono entro pochi giorni dalla comparsa ».

Tra tali effetti indesiderati, quelli più comuni ( 1 caso ogni 10 vaccinati, cioè il 10% ) sono la « stanchezza, il mal di testa, la nausea, la febbre, i brividi, i dolori muscolari, i dolori alle articolazioni ».

L’episodio avverso, fortunatamente di veloce soluzione, documentato dal giornale The Sun, è già diventato virale in rete:

Meno frequenti, ma possibili ( 1 caso su 100 ), usando il vaccino della Pfizer/BioNTech, possono verificarsi « linfonodi ingrossati o sentirsi male », in genere.

In Italia, a pochi giorni dall’inizio della campagna vaccinale di massa voluta dal governo CONTE e dal suo ministro SPERANZA e dai partiti che ancora lo sostengono, quasi di NULLA viene offerto alla conoscenza dei sudditi su quel vaccino che dovrebbero ricevere volontariamente o con la spintarella persuasiva dell’esercito (parole del viceministro Sileri) :

  • in prima fase medici, infermieri,
  • ospiti delle RSA,
  • e anziani over 80 anni.

Occorrono FEDE, SPERANZA E CORAGGIO, quest’ultimo termine è il cognome del neo presidente della Corte Costituzionale, quella che tutela la LEGGE FONDAMENTALE D’ITALIA, di rango appena-appena superiore ai DPCM ed ai DECRETI-LEGGE.

Fonti e Note:

[1] Governo Regno Unito, 16 dicembre 2020, “Information for UK recipients on Pfizer/BioNTech COVID-19 vaccine“.

Natale-Salvo-BN

Natale Salvo

Nato e cresciuto nella terra del “Gattopardo”, la Sicilia. Ha dedicato la propria esistenza all'impegno sociale. Allenatore di una squadretta di calcio di periferia, presidente del circolo di Legambiente, candidato sindaco per il Partito Umanista. Infine blogger d’inchiesta; ha pagato le sue denunce di cattiva amministrazione con una persecuzione per via giudiziaria. E' autore del libro "La rivoluzione copernicana chiamata Reddito di Base", edito da Multimage, Firenze.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *